ECONOMIA DI COMUNIONE
L'EdC è un progetto lanciato da Chiara Lubich nel 1991 e punta sulla forza di una cultura nuova per cambiare i comportamenti economici. Le imprese che ne fanno parte si impegnano a mettere in comunione i profitti secondo tre scopi: aiutare le persone svantaggiate, diffondere la cultura della reciprocità, sviluppare l'impresa. L'approccio etico dell'impresa si attua a tutti i livelli: nei confronti dei lavoratori dell'impresa, ai quali si garantisce giusta retribuzione e che siano sempre parte attiva e centrale dell'azienda, in un ambiente lavorativo volto alla fiducia, alla crescita e al sostegno reciproco. Verso i clienti, ai quali si garantisce un bene e servizio utile a prezzo equo. Verso le autorità dello Stato. Verso l'ambiente con attenzione alla corretta gestione delle risorse. Verso le altre imprese con le quali si privilegia lo scambio e la cooperazione al posto della concorrenza. Verso i poveri del mondo (individuati annualmente con progetti mirati) con cui si condividono parte degli utili.

POLO LIONELLO BONFANTI
Inaugurato nel 2006, è il più grande Polo imprenditoriale di Economia di Comunione in Europa, punto di convergenza per oltre 200 aziende italiane, e parte costitutiva della cittadella internazionale di Loppiano. Attraverso il progetto della Regione Toscana “Sviluppo imprenditoriale e Cultura della reciprocità: spazio di incubatore all’interno del Polo Lionello - DD n. 5916 del 02/11/2010”, il Polo offre uno spazio di incubazione per imprese innovative che si rifanno a principi etici condivisi. I Progetti di Incubazione della Regione Toscana (ad oggi sono in tutto 10) hanno lo scopo di sostenere le imprese impegnate nell’innovazione del sistema economico regionale.


Global Informatica aggiunge ai suoi servizi l’accompagnamento alla costituzione di reti di imprese.
Il progetto Cometa è una delle prime proposte di servizi in questo settore. L’obiettivo è di creare e dare visibilità a una rete solidale di aziende che si ispirano ai valori dell'Economia di Comunione (EdC).

Il progetto Cometa è inserito nella Rete regionale Sviluppo imprenditoriale e Cultura della reciprocità: spazio di incubatore all’interno del Polo Lionello (DD n. 5916 del 02/11/2010).
Si propone di creare sinergie favorendo lo scambio di beni e servizi fra imprese legate da rapporti forti e valori comuni e dare di ciò visibilità al mercato. Dar vita a una rete solidale crea forza e visibilità reciproca, e permette di sperimentare un nuovo percorso in risposta alla crisi. Punto centrale del progetto è la creazione di un portale web, contenitore e strumento attraverso cui le imprese si incontrano, comunicano, si rendono visibili, possono esporre e vendere i propri prodotti e servizi.

Il progetto Cometa per costituire la rete delle imprese si rivolge alle aziende presenti o collegate al Polo Lionello Bonfanti, a nuove aziende che si sentono in linea con gli scopi del progetto, ad associazioni no profit, e alle imprese collegate con gli altri 6 poli EdC del mondo – Brasile (2), Argentina, Croazia, Belgio, Portogallo.

Il progetto Cometa vuole applicare un modello di azionariato diffuso e pertanto è aperto sia alle imprese della rete che a sostenitori esterni privati e pubblici (università, enti etc).